0 0
Il peperone di Capriglio

Condividilo sui tuoi social:

Oppure puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

8 peperoni di Capriglio
200 g yogurt di tipo greco
300 g ricotta di pecora
20 capperi salati
20 pinoli
a piacere basilico
a piacere sale

Aggiungi questa ricetta ai segnalibri

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Il peperone di Capriglio

Caratteristiche:
    • Difficoltà media

    Ingredienti

    Indicazioni

    Condividi

    Quadrato d’Asti e Corno di Carmagnola, che nel nome dicono la forma diversissima, sono i più noti, ma ci sono anche il Trottola, un po’ a cuore e il Tumaticot, arrotondato come un pomodoro. Di recente si è aggiunto il piccolo, delizioso peperone di Capriglio, che ha una bella storia di passione, di volontà e di organizzazione. Il Piemonte così si conferma la regione più dotata per il peperone di qualità. In realtà si tratta di un ritorno. Capriglio è un piccolo paese, 500 anime circa, di tradizione contadina. Da secoli si era imparato a coltivare e sfruttare sino all’ultimo metro quadrato la terra e si era visto che nei campi di grano situati nella parte più fresca della valle, seminando subito dopo la mietitura, un certo tipo di peperone dava risultati decisamente pregevoli per sapore, consistenza e durata, non riproducibili fuori della zona. La pianta rustica, vigorosa e non molto alta, dava frutti di piccolo\medio taglio, con tre sole costole e sezione cuoriforme o leggermente triangolare, colori lucenti e come smaltati, polpa croccante e dolcissima. Da qui una buona fama e un mercato notevole nell’Astigiano e a Torino. Dagli anni sessanta tuttavia la produzione si era molto ridotta in favore di peperoni di dimensioni maggiori. Solo pochissimi continuavano la coltivazione, per il loro consumo familiare e quello di uno sparuto gruppetto di affezionati buongustai.

    Peperoni farciti

     Dissalate i capperi, scolateli e tritatene 12 lasciando gli altri interi.Tritate pinoli, origano e 10 foglie di basilico, mescolate la ricotta allo yogurt, poi unite i capperi e le erbe. Salate a piacere. Tagliate i peperoni per ricavare una coppetta e il suo coperchio, svuotateli da semi e filamenti bianchi e farciteli con la crema. Decorate con i capperi e il basilico rimasti, chiudeteli con la parte col picciolo e servite.

    Recensioni ricette

    Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa un modulo qui sotto per scrivere la tua recensione
    precedente
    Il porro di Cervere
    prossima
    La torta alla pera Madernassa
    precedente
    Il porro di Cervere
    prossima
    La torta alla pera Madernassa

    Inserisci il tuo commento